X

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Congresso del Ventennale

Un’assemblea, un congresso e un’esclusiva serata di gala; celebra con noi i vent’anni dell’Associazione “Il trust in Italia”.

Nella splendida cornice del Grand Hotel Savoia, in uno storico palazzo genovese affacciato su Piazza Principe, illustri relatori di fama internazionale racconteranno nel dettaglio il trust oggi in Italia.

Leggi la locandina con il programma scientifico

Il congresso è riservato ai soci dell’Associazione, prenota il tuo posto e compila subito la domanda di iscrizione.

05-02-2019Corte Suprema di Cassazione, III sezione civile n. 1260 - 18 gennaio 2019
(In De Jure) Il vincolo di destinazione ex art. 2645 ter cod. civ. costituito da una società a responsabilità limitata anteriormente al deposito del ricorso per concordato preventivo al fine di consentire la soddisfazione proporzionale dei creditori non muniti di cause di prelazione è meritevole di tutela.
disponibile in area riservata
05-02-2019Tribunale Treviso - 3 gennaio 2019 
(In De Jure) Il trust liquidatorio istituito da una società a responsabilità limitata quando essa era in stato di insolvenza e ne era stato deliberato lo scioglimento è nullo in quanto diretto a segregare tutti i beni dell’impresa a discapito di forme pubblicistiche di liquidazione quali il fallimento.
disponibile in area riservata
05-02-2019Commissione Tributaria Provinciale Treviso n. 558 - 21 dicembre 2018
L’istituzione di un trust autodichiarato avente ad oggetto un’azienda è soggetta all’imposta di registro in misura fissa, in quanto non produce l’attribuzione definitiva dei beni al soggetto beneficiario; sconta le imposte ipotecarie e catastali in misura fissa ed è esente dall’imposta di bolla, in quanto non realizza un trasferimento immobiliare.
disponibile in area riservata
05-02-2019Commissione Tributaria Provinciale Treviso n. 557 - 21 dicembre 2018
L’istituzione di un trust autodichiarato è soggetta all’imposta di registro in misura fissa, in quanto non produce l’attribuzione definitiva dei beni al soggetto beneficiario; sconta le imposte ipotecarie e catastali in misura fissa ed è esente dall’imposta di bolla, in quanto non realizza un trasferimento immobiliare.
disponibile in area riservata
30-01-2019Tribunale Lecce - 21 gennaio 2019
Il trust in danno ai creditori del disponente non è nullo e la tutela riconosciuta a costoro è l’azione revocatoria. È revocabile ex art. 2901 cod. civ. il conferimento in un trust familiare posto in essere dal disponente dopo aver sottoscritto cambiali a garanzia del credito vantato dall’attore in revocatoria: sussiste l’eventus damni per non avere il disponente dimostrato di detenere un patrimonio residuo idoneo al soddisfacimento del credito e si desume la scientia damni in capo al disponente, requisito soggettivo richiesto in considerazione della natura gratuita di tale trust, dalla circostanza che costui si è spogliato del proprio intero patrimonio immobiliare pochi mesi dopo aver sottoscritto le cambiali.
disponibile in area riservata
30-01-2019Corte Suprema di Cassazione, III sezione penale n. 2569 - 21 gennaio 2019
Il soggetto che, dopo aver ricevuto la notifica di cartelle di pagamento, istituisca un trust familiare autodichiarato su cinque beni immobili, conservando il potere di disporre di tali beni senza limitazioni, risponde di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, potendo desumersi l’intenzione di frodare il fisco dal fatto che il trust è stato istituito in epoca successiva alla notificazione delle cartelle.
disponibile in area riservata
22-01-2019Corte Suprema di Cassazione, V sezione civile ordinanza n. 1131 - 17 gennaio 2019
Il conferimento dei beni in un trust istituito allo scopo di sostenere finanziariamente le attività dell’aeroporto umbro, salva la devoluzione degli eventuali beni residui ai soggetti individuati dai disponenti, non è soggetto all’imposta sulle successioni e donazioni in quanto costituisce un atto neutro che non dà luogo a un trapasso di ricchezza suscettibile di imposizione indiretta. Il presupposto impositivo dell’imposta sulle successioni e donazioni sorge quando viene individuato il soggetto beneficiato dall’incremento patrimoniale e viene dunque data esecuzione al programma del trust.
disponibile in area riservata
22-01-2019Corte Suprema di Cassazione, V sezione civile ordinanza n. 734 - 15 gennaio 2019
Il conferimento di beni in trust con individuazione quali beneficiari finali del disponente e dei suoi parenti fino al quarto grado è soggetto all’imposta proporzionale sulle successioni e donazioni nella misura del 6% in quanto il trasferimento al trustee fa emergere la potenziale capacità economica e l’arricchimento dei beneficiari.
disponibile in area riservata
22-01-2019Corte d’Appello Bologna - 11 gennaio 2019
Qualora il guardiano sia privo del potere di proporre qualunque azione fondata sul trust e i disponenti possano revocare il guardiano il quale a sua volta può revocare il trustee, manca la certezza della volontà del disponente di istituire un trust e allora il trust non è riconoscibile. La non riconoscibilità di siffatto trust non può essere esclusa per il fatto che la legge regolatrice – legge di Jersey – ammette che il disponente possa trattenere per sé una serie di prerogative senza con ciò pregiudicare la validità del trust.
disponibile in area riservata
22-01-2019Tribunale Sciacca - 27 giugno 2018
Legittimato passivo dell’azione revocatoria avverso il conferimento di beni in trust è esclusivamente, oltre al disponente-debitore, il trustee, in quanto i beneficiari presentano soltanto un interesse nei confronti del trustee al trasferimento finale dei beni. È revocabile ex art. 2901 cod. civ. il conferimento di beni immobili in un trust familiare posto in essere dal disponente anteriormente alla commissione del delitto di lesioni personali aggravate ai danni dell’attore in revocatoria: l’eventus damni sussiste poiché il disponente non ha la disponibilità di altri beni immobili a seguito del conferimento ed è in re ipsa il consilium fraudis in capo al disponente, requisito soggettivo richiesto in considerazione della natura gratuita del trust.
disponibile in area riservata
16-01-2019Corte d’Appello Torino - 28 dicembre 2018
Il professionista il quale assuma l’incarico di guardiano del trust che è stato istituito da una sua cliente e il cui trustee - padre del professionista - è indagato di circonvenzione di incapace ai danni della cliente medesima è suscettibile di essere radiato dall’albo dei consulenti finanziari.
disponibile in area riservata
16-01-2019Tribunale Milano - 27 dicembre 2018
I beneficiari di un trust - i figli del disponente e un altro trust - non sono legittimati passivi nel giudizio per la dichiarazione di nullità del trust e per la revocatoria del conferimento di beni in esso effettuato. Il trust che abbia quale unico fine la segregazione patrimoniale dei beni del disponente è legittimo in quanto la causa naturale del trust è la realizzazione di un effetto segregativo. L’assenza della figura del guardiano e il potere del disponente di sostituire il trustee per giusta causa non costituiscono indici dell’immeritevolezza del trust. È revocabile ex art. 2901 cod. civ. il conferimento in un trust familiare posto in essere dal debitore della banca agente in revocatoria successivamente all’ottenimento di decreto ingiuntivo da parte della medesima banca: sussiste in re ipsa la scientia damni in capo al disponente, requisito soggettivo richiesto in considerazione della natura gratuita di tale trust, mentre l’eventus damni si desume dall’assenza di ulteriori beni sui quali la banca può soddisfare le proprie ragioni.
disponibile in area riservata
16-01-2019Tribunale Milano - 27 dicembre 2018
Il trustee socio accomandante di una sas il quale venga escluso dalla società con delibera adottata dai soci accomandatari e mai comunicatagli può impugnare la delibera ex art. 2287 cod. civ. entro trenta giorni da quando ne viene a conoscenza. È annullabile la delibera di esclusione da una sas del trustee socio accomandante qualora le contestazioni addotte a fondamento della delibera medesima vertano sulla gestione del trust e sulla condotta del trustee in relazione alle prescrizioni dell’atto istitutivo, risultando estranee alla qualità di socio del trustee.
disponibile in area riservata
11-01-2019Corte Suprema di Cassazione, I sezione civile ordinanza n. 33349 - 21 dicembre 2018
Una ditta individuale può essere dichiarata fallita anche se è decorso il termine di un anno dalla sua cancellazione dal registro delle imprese, in quanto costituisce indice della prosecuzione dell’attività d’impresa la presentazione di domanda di concordato preventivo in bianco - successivamente rinunciata - e la predisposizione di piano il quale preveda il ricorso alla finanza esterna mediante l’impiego dei beni conferiti - anteriormente alla cancellazione dal registro delle imprese - dalla titolare della ditta individuale in un trust familiare.
disponibile in area riservata
11-01-2019Commissione Tributaria Provinciale Napoli n. 17665 - 19 dicembre 2018
Il conferimento di un bene immobile in trust sconta l’imposizione in misura fissa in quanto non realizza un effetto traslativo definitivo rilevante quale indice di capacità contributiva.
disponibile in area riservata
Altre pagine:
11-05-2019Trust 'Ponte Morandi'
L’Associazione 'Il trust in Italia' ha istituito il Trust "Ponte Morandi", del quale è trustee. L'ufficio di Guardiano del Trust è ricoperto dal Comitato esecutivo dell’Associazione.

Il Trust è stato istituito ad esclusivo vantaggio degli abitanti della zona "Ponte Morandi" di Genova e, in occasione del Congresso del Ventennale dell’Associazione che si svolgerà proprio a Genova il 10 e 11 maggio 2019, realizzerà il proprio scopo per mezzo di una idonea iniziativa concordata con le autorità genovesi.

Il Trust non sarà gravato da alcun costo né professionale né fiscale né di alcun altro genere (anche il conto bancario sarà "senza spese").

Ogni euro che entrerà sarà impiegato per lo scopo del Trust.

Potrete eseguire versamenti in qualunque momento:

  • per bonifico bancario sul conto a nome del Trust "Ponte Morandi" presso Banca Sella, Via G. Paisiello n.35/C, Roma, IBAN: IT 49 V 03268 03210 052664716050; ovvero
  • tramite la scheda di iscrizione al nostro Congresso del Ventennale, integrando la quota di partecipazione all'evento della somma che si intende devolvere al Trust. La segreteria provvederà a trasferire sul conto del Trust quanto devoluto dal partecipante.
11-05-2019Congresso del Ventennale

Genova, 9-10-11 maggio 2019 - Il congresso è riservato ai soci dell'Associazione 'Il trust in Italia'. 

Chi non è socio, può compilare la domanda di iscrizione all’Associazione presente nell'area 'Iscrizioni' del sito.

Il congresso si svolgerà presso il Grand Hotel Savoia (Via Arsenale di Terra 5 - www.grandhotelsavoiagenova.it)
Per la partecipazione al congresso inviare la scheda di iscrizione, per posta elettronica all'indirizzo info@il-trust-in-italia.it oppure per fax al numero 06.8070854.
La quota di partecipazione è di:
€ 400 per le quote verstae entro il 28 febbraio 2019;
€ 500 per le quote versate dal 1° marzo 2019.
Comprende, oltre la frequenza, la pennetta USB contenente i materiali appositamente prodotti per questo congresso, 2 pause caffè, 2 pause pranzo e la serata di gala "Una notte al Museo" del 10 maggio.

OMAGGIO AI VENTENNI! I congressisti che nel 2019 festeggiano i 20 anni di iscrizione all’Associazione, riceveranno un ricordo realizzato per l'occasione.

Sono stati riconosciuti 16 crediti per la partecipazione all'intero convegno per la formazione professionale degli Avvocati, 10 crediti per la partecipazione all’intero convegno per la formazione professionale dei Notai.
Saranno riconosciuti dall’Associazione i punti di aggiornamento permanente validi ai fini dell’iscrizione al Registro dei Professionisti Accreditati e al Registro dei Trustee e Guardiani professionali.
27-02-2019Registro dei Professionisti accreditati - Esame 2019

L’esame per l’ammissione al Registro dei Professionisti Accreditati si terrà nei giorni 27 e 28 febbraio presso la sede dell’Associazione in Roma, Via Antonio Bertoloni, 55.

La sessione di esame, del giorno 27 febbraio, avrà inizio alle ore 14.00 e terminerà alle ore 18.00, proseguirà il giorno 28 febbraio 2017 dalle ore 10.00 alle ore 14.00.


Domanda di partecipazione all’esame di ammissione »»»
Regole per l’ammissione »»»
12-02-2019Lunga vita all’impresa dalla successione pianificata
Il Sole 24 Ore - martedì 12 febbraio 2019
28-01-2019Le ritenute sono ancora disallineate
Il Sole 24 Ore - lunedì 28 gennaio 2019
22-01-2019La perversa trasparenza dei soci di società semplici
Il Sole 24 Ore - martedì 22 gennaio 2019
22-01-2019Il trust dopo la cartella? È sottrazione fraudolenta
Il Sole 24 Ore - martedì 22 gennaio 2019
21-01-2019In trust, we trust
Il Sole 24 Ore, lunedì 21 gennaio 2019
18-01-2019La Cassazione ci ripensa: il trust si tassa alla fine
Il Sole 24 Ore - venerdì 18 gennaio 2019
16-01-2019La tassazione segue la natura del trust
Il Sole 24 Ore - mercoledì 16 gennaio 2019
14-01-2019In trust, we trust
Il Sole 24 Ore, lunedì 14 gennaio 2019
09-01-2019Cessioni di partecipazioni tutte tassate al 26 per cento
Il Sole 24 Ore - mercoledì 9 gennaio 2019
20-12-2018La Cassazione: sul patto di famiglia imposta di donazione pesante
Il Sole 24 Ore - domenica 20 dicembre 2018
19-12-2018Trust di garanzia soggetto al Registro in misura fissa
Il Sole 24 Ore - mercoledì 19 dicembre 2018
18-12-2018Trust creati per frodare il fisco, la Guardia di Finanza sequestra 4 milioni di euro
Il Capoluogo - lunedì 17 dicembre 2018
Altre pagine: