27-06-2022Tribunale Frosinone - 16 giugno 2022  
La prescrizione quinquennale dell'azione revocatoria avverso il vincolo di destinazione ex art. 2645-ter cod. civ. decorre dalla trascrizione del vincolo nei registri immobiliari.
Nel giudizio per la revocatoria del vincolo di destinazione ex art.
2645-ter cod. civ. i beneficiari (nipoti _ex filia_ della costituente) degli effetti del vincolo che non acquistino diritti sui beni vincolati non sono litisconsorti necessari, ma hanno diritto di intervenire in giudizio e possono esservi convenuti affinché siano resi loro opponibili gli effetti della sentenza.
disponibile in area riservata
27-06-2022Corte Appello Venezia - 14 giugno 2022
Nel giudizio per la revocatoria del conferimento in trust la finalità del trust è irrilevante ai fini della sussistenza o meno dell'eventus damni.
L'istituzione di un trust familiare a beneficio della madre della disponente non integra adempimento di un dovere giuridico e configura un atto a titolo gratuito.
La scientia damni in capo alla disponente si desume dalla circostanza che, pochi mesi prima del conferimento in trust, ella era stata sollecitata dall'istituto di credito agente in revocatoria a prendere immediati contatti per la definizione dell'esposizione debitoria (derivante da saldo passivo di conto corrente).
disponibile in area riservata
27-06-2022Tribunale Vicenza - 15 giugno 2022
È revocabile ex art. 2901 cod. civ. il vincolo di destinazione ex art.
2645-ter cod. civ. costituito dalla debitrice, fideiussore di una s.r.l.
nei confronti degli istituti di credito agenti in revocatoria, successivamente al rilascio delle fideiussioni: l'eventus damni sussiste in quanto la debitrice ha costituito il vincolo su tutti i propri immobili e non ha dimostrato di essere titolare di un patrimonio residuo idoneo a soddisfare le ragioni di credito, mentre la scientia damni in capo alla costituente, requisito soggettivo richiesto in considerazione della natura gratuita del vincolo (costituito a favore della costituente stessa e dei nipoti _ex filio_), si desume dalla sua qualità di unica socia e amministratrice della società garantita e dal fatto che fin da un anno prima della costituzione del vincolo la società garantita riportava pesanti perdite.
disponibile in area riservata
27-06-2022Corte d'appello Salerno - 17 giugno 2022 
La revoca del vincolo di destinazione ex art. 2645-ter cod. civ. non determina la cessazione della materia del contendere nel giudizio ex art. 2901 cod. civ. per la revocatoria del vincolo stesso, in quanto diversamente il creditore agente in revocatoria potrebbe essere pregiudicato da eventuali vincoli pregiudizievoli nelle more iscritti o trascritti sugli immobili oggetto del vincolo revocato.
È revocabile ex art. 2901 cod. civ. il vincolo di destinazione ex art.
2645-ter cod. civ. che il debitore, dopo aver acquistato dalla sorella le quote di una s.n.c. ed essere rimasto debitore nei di lei confronti di una somma di denaro a titolo di residuo corrispettivo della cessione, ha costituito a favore della madre su beni immobili: l'eventus damni sussiste per non avere il debitore convenuto dimostrato di essere titolare di un patrimonio residuo idoneo a soddisfare le ragioni della creditrice e a nulla rileva che uno degli immobili oggetto del vincolo sia gravato da ipoteca, mentre la scientia damni in capo al costituente, requisito soggettivo richiesto in considerazione della natura gratuita del vincolo, si desume in re ipsa.
 
disponibile in area riservata
27-06-2022Corte Appello Napoli - 17 giugno 2022 

Il trust liquidatorio istituito da una società in liquidazione (poi dichiarata fallita) e il cui trustee è il liquidatore della disponente è nullo in quanto istituito in un'epoca in cui la disponente si trovava in stato di insolvenza e diretto a frodare i creditori sociali, come desumibile dalle plurime circostanze che il giorno precedente l'istituzione del trust alla disponente era stata revocata una dilazione di pagamento, che nel trust venivano conferite l'intera azienda e tutte le partecipazioni sociali dei componenti della famiglia già proprietaria della società e che né il trustee, né il guardiano né i beneficiari finali (soci della disponente) hanno collaborato con la curatela fallimentare.

disponibile in area riservata
27-06-2022Corte Suprema di Cassazione, V sez.civ. Ordinanza n. 19558 - 17 giugno 2022
Il conferimento in trust, come pure l’istituzione del trust stesso, non integra un trasferimento imponibile con l’imposta sulle successioni e donazioni, costituendo un atto neutro, che non dà luogo ad un passaggio effettivo e stabile di ricchezza.
L’imposta sulle successioni e donazioni è dovuta al momento dell'eventuale trasferimento dei beni o diritti ai beneficiari, perché solo tale atto costituisce un effettivo indice di ricchezza ai sensi dell'art. 53 Cost.
Il conferimento in trust sconta l’imposta ipotecaria e catastale in misura fissa in quanto non determina a vantaggio del trustee quell'attribuzione definitiva dei beni rilevante ai fini dell'imposizione.
disponibile in area riservata
27-06-2022Corte Suprema di Cassazione, III sez.civ. ordinanza n. 19428 - 16 giugno 2022
L’azione revocatoria indirizzata nei confronti dell’atto istitutivo è utilmente esperita, in quanto il conferimento in trust è atto dipendente dall’atto istitutivo e perciò l'inefficacia dell'atto istitutivo reca con sé pure l'inefficacia del conferimento.
L’azione revocatoria è utilmente esperita qualora rivolta avverso l’atto istitutivo di trust nella sua interezza, comprensivo anche del conferimento in trust.

 

disponibile in area riservata
17-06-2022Tribunale Civitavecchia - 10 giugno 2022
Il trustee è legittimato passivo nel giudizio per la revocatoria del conferimento in trust. In siffatto giudizio i beneficiari sono litisconsorti necessari solo laddove il trust configuri un atto a titolo oneroso, così che il litisconsorzio necessario non coinvolge i beneficiari - figli della disponente - di un trust familiare istituito per far fronte alle esigenze di vita di costoro. Non è revocabile ex art. 2901 cod. civ. il conferimento in un trust familiare posto in essere dalla disponente, fideiussore di una s.r.l. nei confronti della banca creditrice agente in revocatoria, successivamente al rilascio della fideiussione: è insussistente la scientia damni in capo alla disponente, requisito soggettivo richiesto in considerazione della natura gratuita del trust, in quanto all’epoca del conferimento in trust la s.r.l. debitrice principale utilizzava il credito concessole dalla banca attrice sul conto corrente senza mai scostarsi dal saldo negativo massimo consentitole e soltanto più di un anno dopo essa maturava un’esposizione debitoria relativa a un mutuo chirografario, né all’epoca del conferimento in trust risultava l’invio da parte della banca attrice di atti di costituzione in mora o la revoca dell’affidamento concesso sul conto corrente.
disponibile in area riservata
17-06-2022Commissione Tributaria Regionale Abruzzo - 20 maggio 2022
L’ingiunzione di pagamento relativa all’IMU dovuta su un immobile incluso nel fondo in trust è correttamente notificata al disponente in quanto il trust, pur considerato un soggetto passivo delle imposte dirette, non può essere soggetto passivo anche di altri tributi, né si dà alcuna responsabilità solidale in capo al trustee.
disponibile in area riservata
16-06-2022Commissione Tributaria Regionale Campania - 11 marzo 2022
L’istituzione di un trust autodichiarato finalizzato a provvedere ai bisogni della madre della disponente-trustee fino a una data prestabilita, giunta la quale il fondo in trust viene attribuito alla madre stessa, sconta le imposte ipotecarie e catastali in misura proporzionale in quanto sin dall’istituzione del trust si evidenzia una volontà di trasferimento dei beni, ben eccedente quella meramente protettiva o segregatoria.
disponibile in area riservata
09-06-2022Tribunale Benevento - 6 giugno 2022
È revocabile ex art. 2901 cod. civ. l’istituzione di un trust autodichiarato effettuata dal debitore mesi dopo avere contratto il debito per cui è richiesta la revocatoria: l’eventus damni sussiste per essersi il disponente-trustee spogliato di tutti gli immobili di cui era titolare, mentre la scientia damni in capo allo stesso disponente-trustee, requisito soggettivo richiesto in considerazione della natura gratuita di siffatto trust, si desume dalla natura autodichiarata del trust.
disponibile in area riservata
09-06-2022Tribunale Piacenza - 31 maggio 2022
È revocabile ex art. 2901 cod. civ. l’atto di cessione tramite cui una s.r.l. (poi fallita) vende a un trust familiare, istituito dall’amministratore e socio unico della detta s.r.l., un fabbricato ad uso abitativo: l’eventus damni sussiste in quanto il prezzo della cessione era di gran lunga inferiore al valore effettivo del fabbricato e veniva corrisposto mediante dazione di una partecipazione societaria di valore di gran lunga inferiore al prezzo stesso; la scientia damni in capo alla società, nella persona del suo amministratore e socio unico (nonché disponente del trust), è da ritenersi provata in quanto questi era perfettamente consapevole della significativa esposizione debitoria della s.r.l. all’epoca della cessione e intendeva continuare a godere del fabbricato; ugualmente si ritiene provata la partecipatio fraudis del trustee in ragione del suo legame professionale con la s.r.l. e delle sue relazioni personali e lavorative con il disponente.
disponibile in area riservata
09-06-2022Corte Suprema di Cassazione, V sez. civ. ordinanza n. 17749 - 31 maggio 2022
L’istituzione di un trust autodichiarato il cui disponente-trustee coincida con il beneficiario sconta le imposte ipotecarie e catastali in misura fissa poiché non realizza un trasferimento effettivo di ricchezza.
disponibile in area riservata
09-06-2022Corte Suprema di Cassazione, V sez. civ ordinanza interlocutoria n. 17719 - 31 maggio 2022
Il notaio è litisconsorte necessario nel giudizio di impugnazione di avviso di liquidazione per imposta di donazione sul conferimento in trust, poiché l’avviso è stato emesso nei confronti del notaio, che aveva rogato l’atto di istituzione e conferimento.
disponibile in area riservata
01-06-2022Tribunale Forlì - 30 maggio 2022
È revocabile ex art. 2901 cod. civ. il vincolo di destinazione ex art. 2645-ter cod. civ. che il debitore abbia costituito per tutelare lo stato di salute e far fronte ai bisogni del figlio successivamente all’ottenimento di prestiti dal creditore agente in revocatoria: l’eventus damni sussiste per essere il residuo patrimonio del disponente non idoneo alla soddisfazione delle ragioni del creditore (come dimostrato dalla triplice circostanza che un pignoramento conduceva alla assegnazione di una somma irrisoria, un distinto pignoramento aveva esito negativo e il debitore rilasciava al creditore tre assegni, tutti scoperti), mentre la scientia damni in capo al debitore, requisito richiesto in considerazione della natura gratuita di siffatto vincolo di destinazione, si desume dal fatto che il debitore si è spogliato di quasi tutti i propri beni mobili e immobili e ha concesso in affitto al figlio la propria impresa individuale ad un canone irrisorio e al solo scopo di opporre il titolo d’affitto in sede esecutiva.
disponibile in area riservata
Altre pagine:
28-06-2022Il mandatario ritrasferisce con imposta di donazione
Il Sole 24 Ore - martedì 28 giguno 2022
09-06-2022Primi invii dei titolari effettivi previsti dall’8 agosto
Italia Oggi - giovedì 9 giugno 2022
08-06-2022Così il passaggio generazionale crea valore
Il Sole 24 Ore - martedì 7 giugno 2022
02-06-2022Il Registro unico fa i conti con le regole sul titolare effettivo
Il Sole 24 Ore - giovedì 2 giugno 2022
27-05-2022Registro dei titolari effettivi con accesso regolamentato
Il Sole 24 Ore - venerdì 27 maggio 2022
29-04-2022Sui trust pesa l'esclusione del ministero del Lavoro dal terzo settore
Il Sole 24 Ore - giovedì 28 aprile 2022
23-04-2022Trust. Per il Mef l'istituto non è un problema
Il Sole 24 Ore - sabato 23 aprile 2022
22-04-2022Escluso ai trust l’accesso al Registro unico del Terzo settore
Il Sole 24 Ore 22 aprile 2022
15-04-2022Il Mef: la normativa dei trust in grado di evitare elusioni e frodi
Il Sole 24 Ore - giovedì 14 aprile 2022
31-03-2022Il caso “Trust” Salernitana ha determinato la modifica delle norme interne della FIGC
Le Cronache, giovedì 31 marzo 2022
30-03-2022Si apre per le Onlus l’iscrizione al Registro unico del Terzo settore
Il Sole 24 Ore - martedì 29 marzo 2022
28-03-2022Controlli sui paradisi fiscali non retroattivi
Il Sole 24 Ore - lunedì 28 marzo 2022
28-03-2022“Trust per non pagare imposte milionarie”, inchiesta a Milano: assolto imprenditore gelese
Quotidiano di Gela.it - venerdì 25 marzo 2022
22-03-2022La donazione è la strada preferita dalle imprese
Il Sole 24 Ore - martedì 22 marzo 2022
18-03-2022La legge del "Dopo di Noi" opera anche attraverso il testamento
Il Sole 24 Ore - sabato 12 marzo 2022
Altre pagine: